Come cucinare i carciofi

 

I carciofi sono uno dei prodotti tipici delle campagne italiane: la pianta appartiene alla famiglia delle Asteraceae, ha principalmente un uso alimentare ma non mancano le applicazioni in campo medico. I carciofi sono ricchi di acqua, forniscono un buon apporto di fibre e di vitamine B1 e B3. Abbiamo scritto questa introduzione per far comprendere ai nostri lettori che mangiare carciofi fa bene e per questo vi proporremo qualche consiglio su come cucinarli, magari avvalendosi di una pentola a pressione.

Abbiamo detto che i carciofi sono tipici del nostro territorio ma che ne direste di scoprire come vengono preparati in Grecia? Per la preparazione (per 4 persone) servono i seguenti ingredienti: pepe, un decilitro di brodo vegetale, una bella manciata di prezzemolo tritato, un uovo, 200 g di polpa di agnello, due cucchiai di olio d’oliva extravergine, 80 g di parmigiano, uno spicchio d’aglio, un limone, sale, due cipolle, 10 grammi di pane grattugiato e per finire 50 grammi di parmigiano.

La prima cosa è togliere il gambo ai carciofi e tagliare le punte. A questo punto vanno allargate le foglie creando dello spazio. È necessario eliminare la “barba” che si trova sul fondo. A questo punto i carciofi vanno sistemati in una ciotola contenente acqua e mezzo limone, quindi vanno sgocciolati e strofinati con il restante mezzo limone. Dopo questa preparazione, vanno cotti a vapore per 20 minuti.

In attesa che il tempo passi, le cipolle vanno tagliate a fettine sottili e la polpa di agnello tritata. La carne va mescolata insieme con il prezzemolo e l’aglio tritato con sale e pepe.

In una padella va scaldato l’olio insieme con la cipolla affettata in precedenza. Quando le cipolle sono dorate, si aggiunge la carne. Terminata la cottura, bisogna attendere che il tutto si raffreddi e solo a quel punto va aggiunto il pan grattato (grosso), un uovo sodo e il parmigiano grattugiato a scagliette. A questo punto bisogna amalgamare il tutto.

Dopo esservi preoccupati di aver sgocciolato per bene i carciofi, vanno adagiati in una pirofila unta con un po’ d’olio. Se necessario, le foglie vanno allargate per consentire di inserire il ripieno. A questo punto va versato il brodo e il tutto va coperto con un foglio di alluminio. Nel frattempo va impostato il forno a 180° e una volta riscaldato è necessario infornare la pirofila, dove resterà per 30 minuti, trascorsi i quali andrà tolto il foglio di alluminio per permette ai carciofi di gratinare per 10 o 15 minuti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *